Post Image
By gynepraio23 Marzo 2015In Personale

I segni di compleanno

Oggi  è il compleanno di voi-sapete-chi, e domani è il mio compleanno. Io compio 33 anni, lui 41 (questo per acclarare che io sono incredibilmente giovane e che lui ha vinto un terno al lotto mettendosi con me). Stasera andremo a cena fuori, e gli darò il mio regalo che però non posso dire cos’è perché, anche se non ha mai letto una sola riga di questo blog, quello di fottermi la sorpresa non è un rischio che mi sento di correre. Ma nei prossimi giorni lo metto su Instagram così se volete sapere cos’è vi tocca seguirmi. Che vecchia faina che sono.

E per me, anche quest’anno, niente wishlist di compleanno. C’è già uno sciame di sogni e desideri che

mi gira per la testa, e sono tutti incredibilmente allettanti, e importanti, e a modo loro accessibili. Questa nebulosa di sogni e desideri è fitta, e loro si agitano, aleggiano, s’intrecciano così velocemente che non riesco a isolarli o a guardarli in faccia. Nè a sceglierli.

Questo movimento interiore, che io alimento con il mio desiderare stesso, mi fa male: mi rende inquieta, incompiuta, insoddisfatta. Anche dispersa, dispersiva, disfattista. Ma soprattutto stanca, perché dentro di me c’è sempre un alveare, un formicaio di sogni e desideri in moto perenne. Parlano, anche. Mi sembra di sentirli dire: “Desidera me, Valeria, così esco da te e divento vero!”

“Bravo, va’, diventa vero, così finalmente mi lasci stare” penso io.

Io vorrei liberarli, questi sogni e desideri, perché non tutti mi appartengono. Anzi, io, con il mio desiderare costante e indiscriminato li trattengo a me, e impedisco loro di andarsene laddove sarebbero apprezzati e compresi. Là, dove ci sarebbe una ragazza disposta ad accoglierli e dare loro vita, non tenerseli dentro come dei souvenir, dei canarini in gabbia, delle opzioni, dei “potrei ma non so”, dei soprammobili.

Io ci ho provato a dire ai sogni e ai desideri di mettersi seduti, di stare buoni buonini e farsi guardare in volto, soppesare, interrogare. Ma ognuno ha i sogni e desideri che si merita, e i miei sono pretenziosi, presuntuosi, egoisti. Non vogliono supinamente farsi scegliere: vogliono essere scelti.

Allora ho pensato che per il mio compleanno non chiederò sogni: io chiederò segni. Ho bisogno di un fenomeno, un dito puntato dall’altro, un messaggio divino che inequivocabilmente mi faccia capire: vai là, quello è il tuo desiderio, dedicati a lui, rendilo vero.

Nell’attesa che il segno si manifesti, io continuerò a fare i grattini sul collo ai miei sogni già realizzati, che sembrano poca cosa rispetto a quelli ancora inespressi, ma che invece sono tanta roba: corro più di 10 km, ho una casa da condividere con voi-sapete-chi e con tutto l’Instagram, dei genitori fantastici, tantissimi amici e amiche,  e ben 7000 followers su Bloglovin. Ah, no, scusate, quest’ultimo è ancora un sogno. Volevo solo dirvi che cerco di stare bene comunque, perché le cose belle e speciali preferiscono manifestarsi alle persone felici.

PS Ciao Dio, già che ci siamo, se possibile, questo segno non dovrebbe essere troppo criptico, che son scema e bionda, e mi confondo facilmente, grazie, ciao.

segni

svgl'affascino e i piedi di Emily Ratajkowski
svg
svgLa primavera dei non-primaveristi

11 Comments

  • Angelica

    Marzo 23, 2015 at 8:57 am

    Spesso, i sogni più difficili da realizzare, hanno bisogno di tempo. Tanto tempo. Perchè, come dicono i napoletani: “pè fà e cose bùone cè vò ù temp”.
    Sono tanti? Tutti difficili? Bene.. vuol dire che non sei tanto bionda quanto dici (o pensi, nel caso).
    Fermati un attimo e respira. Pensa al sogno che ti chiama di più e seguilo, e se lui va più veloce di te (nonostante le tue performance) fermati e aspettalo e respira.
    La Vita regala sempre al Cuore, ciò che desidera di più. Ricordatelo in fasi Spleen.
    Chiss
    SAP

    svgRispondi
    • gynepraio

      Marzo 25, 2015 at 11:35 am

      Grazia gioia, adesso vado di là a respirare

      svgRispondi
  • Barbs LeCupcake

    Marzo 23, 2015 at 9:48 am

    Dai su! Focalizziamo il nostro Sistema Attivante Reticolare sulle cose belle, proprio come insegna la neurolinguistica 😛
    PS: non è una setta, checché ne pensino molte mie conoscenze.

    Barbs

    svgRispondi
    • gynepraio

      Marzo 25, 2015 at 11:25 am

      Sai che avevo un ex datore di lavoro specializzato in PNL e l’ho sempre considerato un santone o un manipolatore o, molto più spesso, un minchia?
      Se ti va di segnalarmi delle risorse online, mi informo volentieri!

      svgRispondi
  • eleonora

    Marzo 24, 2015 at 3:38 pm

    va bene, stavolta scrivo perchè ho appena letto il mio ritratto di questo momento..a parte il fatto che corro dieci metri, che sono scema e rossiccia e che, ovviamente, non avrei saputo (de)scriverlo così nitidamente…
    mi piace moltissimo come hai reso la sensazione di stanchezza che deriva, nel mio caso, dalla costante e pallosissima altalena di desideri che frullano e dal bombardamento di stimoli che in genere definisco “sindrome da ipermercato” (100 diverse scatole di cereali = nessuna scatola nel carrello) e che quando sono in vena oppure tento di salvare la faccia definisco spiattellando una poesia di Pessoa che si chiama, appunto, “la poesia”..
    anche io, più di tutto, gradirei un segno, possibilmente tramite raccomandata e/o ufficiale giudiziario, ma il mio compleanno è lontano, per cui confido in Paolo Fox…e nel frattempo cerco di non dimenticare quello che ho portato a casa, per merito o per botte di c…
    E quindi ora la smetto, svanisco, grazie e complimenti!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Marzo 25, 2015 at 11:23 am

      Ma grazie a te per avermi letto! Io credo che un pensierino sulla Valeriana dovremmo farcelo tutte e due, sai.

      svgRispondi
  • Silvia

    Marzo 25, 2015 at 1:10 pm

    “Fendi, Prada, o Vuitton?! Dammi un segno!”
    ;-P

    svgRispondi
    • gynepraio

      Marzo 25, 2015 at 2:41 pm

      Per farti capire il soggetto, si tratta di scarpe. Appena mi faccio la ceretta e assumo il colorito di un essere umano, metto una foto su Instagram!

      svgRispondi
  • siboney2046

    Marzo 25, 2015 at 6:05 pm

    Sono perfettamente d’accordo con te! Per questo cerco di essere sempre felice!!!

    svgRispondi
  • marghe

    Marzo 30, 2015 at 11:04 am

    ho dimenticato di farti gli auguri,
    buon compleanno! 🙂

    svgRispondi

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

archivio