Post Image
By gynepraio16 Novembre 2015In Personale

Pick Up Artists detti in breve PUA, anzi puah

La cinematografia americana è piena di teen movies in cui un ragazzo sfigato (di solito è Adam Sandler, o comunque somiglia molto ad Adam Sandler), con l’aiuto di un mentore o di un gruppo di amici, viene tirato a lucido e trasformato in un grande seduttore che finalmente riesce a schiacciarsi la figa del liceo (che si solito è Mena Suvari, o una che è praticamente identica a Mena Suvari). Io stessa ho più volte pensato che qualche mio amico un po’ timido o insignificante avesse un potenziale inespresso e che, opportunamente aiutato, avrebbe potuto diventare un tipo interessante. Il mio delirio di onnipotenza, solitamente, si ferma lì.

Ma gli americani no, loro sono andati avanti. Leggendo in rete ho appreso dell’esistenza di una community che si chiama PUA, che sta per Pick Up Artists. Sono io che vivo in Fantasilandia e non mi accorgo che il mondo cambia? Mi succedono le cose attorno e io continuo a fissarmi l’ombelico? Ditemi che anche voi non lo conoscevate, per favore, non fatemi sentire una cretina.

Questi soggetti sono uomini che, avvedutisi di non saper sedurre le donne ma desiderando comunque avere una partner, decidono di imparare -tendenzialmente a pagamento- una serie di tecniche mutuate dalla Programmazione Neuro Linguistica. Il metodo promette di trasformare un uomo “mediamente sfigato e frustrato” (parole testuali) in un seduttore professionista.

Dovrà quindi acquisire abilità quali: rendersi attraenti scegliendo abiti e tagli di capelli, iniziare conversazioni random con dei metodi rompighiaccio (spesso formule standard, molto collaudate e apprese a memoria) e poi mantenere viva una conversazione, attraverso un uso sapiente dello sguardo e delle mani. Questi dialoghi si reggono su una dialettica assolutamente innovativa intitolata ti-cago-ma-poi-non-più-affinchè-tu-voglia-essere-nuovamente-cagata. Il successo dell’approccio si misura nell’ottenimento del numero di telefono e, quando le vacche sono grasse, in un rapporto sessuale. Ma non crediate che i Pick Up Artists siano solo animati dalla cara vecchia voglia di figa, oh no, perchè tra di loro ci sono anche gli uomini onesti. Il metodo è infatti applicabile sia a chi intimamente si sente maschio alfa (=desidera avere numerose relazioni contemporaneamente) sia a chi si sente maschio beta (=punta a una relazione d’amore duratura).

I rifiuti non devono essere interpretati come fallimenti ma come opportunità di riflessione e miglioramento in vista della prossima conquista. Perchè la base statistica conta: più si allarga l’universo (=il numero di donne cui ti accosti), più aumenta la quota degli approcci ben riusciti. Insomma, i PUA non devono mettere le loro uova in un solo paniere ma massimizzare il target: in sostanza, finchè non acquisiscono fiducia in se stessi, i Pick Up Artists non possono proprio incaponirsi e giammai fare gli schizzinosi. Sarà solo quando avranno le spalle solide che potranno intestardirsi su un bersaglio difficile. C’è in tutto questo un principio intelligente: se dalle relazioni interpersonali non riesci ad avere quel feedback che desideri, sfruttale almeno per costruire e rinforzare il tuo ego in vista del tuo prossimo successo. Tu donna ridi di me e mi rifiuti perchè sono palesemente uno sfigato cosmico, ma tra un po’ ti mangerai le mani per avermi rimbalzato, stolta che non sei altro. Praticamente il tutto si basa sull’anticipazione del piacere derivante dalla rivalsa.

Per diventare Pick Up Artists, ci sono diversi strumenti: i libri, le collane di DVD, i corsi in aula, i bootcamp, il coaching individuale. Come tutte le scienze che si rispettino, anche questa ha i suoi miti viventi: pare ci sia un certo Neil Strauss che sta alla seduzione come Stephen Hawking sta all’astrofisica. Prima di googlarlo, ero così eccitata che mi son fatta un bicchierone d’acqua con due goccine di valeriana. Sarà un incantatore di passere un grande seduttore! Un figo imperiale! Un viluppo di charme, fascino e carisma!

Niente, mi son fatta coraggio e l’ho cercato online. Eccolo qui.

pick up artist

Sexy, ma così sexy che per calmarmi mi son dovuta sedere.

L’orecchino. Io non dico altro.

 

svgrapidissimo trattato sull'umorismo
svg
svgElena Ferrante goes al cinema

12 Comments

  • giulia

    Novembre 16, 2015 at 10:53 am

    Devo confessarti una cosa: non solo sapevo dell’esistenza di questa orribile setta, il mio fidanzato mi ha confessato che mi ha conquistata seguendo i loro insegnamenti! Abbiamo visto insieme la serie tv dedicata al trasformare 10 CASI UMANI in pick up artists (sotto la guida di Mistery, un altro mago del genere) (2 stagioni) ed effettivamente ho notato che alcune tecniche erano state applicate su di me. Ti giuro che sono infallibili e precisissime. Il mio ragazzo dice che ha usato le tecniche solo all inizio, poi è subentrato l amore e non le ha applicate più, ci devo credere? Abbiamo anche fatto la prova al bar, io stavo a guardare mentre lui in tempo 5 SECONDI ha abbordato DUE TIPE. Non posso che dirti che è una cosa da decerebrati ma che funziona (non avevo NESSUNA intenzione di mettermi con lui, mi faceva proprio schifo —> stiamo insieme da 4 anni)

    svgRispondi
    • gynepraio

      Novembre 16, 2015 at 7:05 pm

      E’ un po’ lo stesso discorso dei siti di incontri: io non penso che sia inverosimile che una ragazza, anche intelligente/carina/brillante, si faccia abbordare da una persona che padroneggia una tecnica o che si sa esprimere bene: il problema è che -statisticamente- a cimentarsi sono sempre degli sfigati irrecuperabili. Quindi non mi capacito, perchè il tuo ragazzo mi pare carino, non riesco a immaginarmelo a ricorrere agli hookers, o icebreakers, o come diavolo le chiamano loro.
      (Come si chiama la serie? A questo punto DEVO vederla)

      svgRispondi
  • Roberta

    Novembre 16, 2015 at 11:24 am

    Per fortuna ci sei tu ad addolcirmi il lunedì (cominciato con la solita notte insonne, causa nanerottola malefica)!
    Anch’io ignorante in materia…

    svgRispondi
  • Elle

    Novembre 16, 2015 at 4:12 pm

    Io sapevo della loro esistenza.
    Tra l’altro credo che il tipo nella mia prima storia seria abbia messo in pratica questi principi con successo. Non che lui fosse al corrente dei PUA, era più una cosa rozza.
    Il problema è che avendo realizzato come funzionano queste tecniche, ora se un tipo mi abborda in quel modo lo mando velocemente a cagare 🙂
    Diciamo che al momento sono io che ci provo con gli uomini, che mi interessano con buona pace dei maschi alpha, beta e gamma.

    svgRispondi
    • gynepraio

      Novembre 16, 2015 at 7:06 pm

      Ma infatti, ma brava, ma falli cadere come pere mature. Io ormai sono fuori dai giochi ma sono abbastanza certa che se tornassi sul mercato li sgamerei in 3-2-1…

      svgRispondi
  • Koala - koalainnamorato

    Novembre 17, 2015 at 2:32 pm

    Illuminante! Nel senso che non conoscevo l’esistenza di questi gruppi (né onestamente credevo potesse mai balzare in mente a qualcuno di crearne uno) maa….illuminante, perché entra di rigore nella classifica dei NOT TO HAVE! Con un sento grazie perché mi hai strappato più di una risata!

    svgRispondi
  • AliceOFM

    Novembre 17, 2015 at 3:31 pm

    Sììì! Io ho anche visto un video (non chiedermi perchè!) e pare funzioni…
    Poi va be’, conoscevo un ragazzo che non aveva nulla di oggettivamente bello: viso emaciato, fisico da adolescente mingherlino, abbigliamento Frav da tamarro anno 2005, e ambigui (tanto ambigui) gusti sessuali. Però sulle ragazze aveva un fascino che io tutt’ora ho archiviato nei misteri irrisolvibili (insieme all’incapacità dell’uomo di comprendere quando una ragazza è bella solo perchè truccata).
    Si è ripassato metà scuola, tra cui ragazze davvero irraggiungibili per uno così; ma ripensandoci, aveva l’orecchino come Mr. Strauss…starà tutto in quello?

    svgRispondi
    • gynepraio

      Novembre 24, 2015 at 4:33 pm

      Ma secondo me il fascino del maledetto, con l’orecchino e che magari puzza anche un po’ è qualcosa in cui io credo, specialmente se si è al liceo.
      Ma da adulte no, non funziona più, dai!

      svgRispondi
  • stef_ania

    Novembre 23, 2015 at 6:38 pm

    Ciao! ti leggo e non commento mai, ma questa volta non posso proprio trattenermi dal segnalarti questo fantastico forum in materia di seduzione http://www.italianseduction.club/forum/ sul quale ho passato alcune divertentissime ore anni fa e che ancora riguardo quando voglio proprio spassarmela! ah, questi maschi…

    svgRispondi
    • gynepraio

      Novembre 24, 2015 at 4:34 pm

      Madonna Stefania, sono andata a guardare ma adesso credo molto meno nelle possibilità di redenzione e recupero del genere umano. E già ci credevo poco…

      svgRispondi
  • giulia

    Gennaio 27, 2016 at 3:38 pm

    ho visto ora che non ti ho mai più risposto: si in effetti Michele (i nostri fidanzati hanno lo stesso nome) adesso è carino ma verso i 20 era bruttarello e poco sicuro di sé, ecco perché il ricorso a questi espedienti. Devo dirti una cosa però: a parte per conquistare le ragazze, queste tecniche funzionano per essere piacioni in generale, quindi mi accorgo che a volte le utilizza in modo blando con le mie amiche. Risultato: tutte lo amano (“è CCCOSI’ SIMPATICO!!”). Ecco la serie! http://www.imdb.com/title/tt1083958/

    svgRispondi

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

archivio