Post Image
By gynepraio18 Luglio 2016In PersonaleViaggi

Ad esempio a me piace la Calabria

Quando sono nata, i miei genitori hanno comprato una casetta al mare. Non so se l’hanno comprata per me, o per sé. Più probabilmente mio padre si è infiammato all’idea -come si infiamma per qualsiasi idea- di avere un buen retiro per le vacanze. Adesso che ho un bambino anche io, lo capisco: un nuovo nato significa appendere lo zaino Decathlon al chiodo e studiare un soggiorno a misura di famiglia.

Noi piemontesi, tipicamente, acquistiamo seconde case in Val di Susa (se amiamo la montagna) o nella riviera Ligure (se amiamo il mare). I più fortunati dispongono di entrambe le opzioni: con un bilocale a Ulzio e uno a Finale sei a posto tutto l’anno. Scuola sci natalizia, settimana bianca a fine febbraio, grigliata di Pasquetta, ponte dal 25 aprile al 1 maggio, un po’ di weekend abbronzanti tra giugno e luglio, agosto al mare con i genitori, settembre in montagna coi nonni -giusto in tempo per finire i compiti delle vacanze, che in città fa ancora caldo-.

Questi ragionamenti, ovvi ma sensatissimi, dovettero apparire terribilmente borghesi a mio padre. Perché percorrere un sentiero già battuto, quando la nostra penisola riserva sorprese a ogni piè sospinto? Sarà per quello che acquistò una casa in Calabria. Riviera Ionica, esattamente a metà strada tra Crotone e Catanzaro. 1400 km da Torino, circa 12 ore di viaggio di cui, per chi è fan dell’A14, almeno 4 di statale 106, una strada che passa attraverso centomila paesini dai nomi pittoreschi come Nova Siri, Sentinella, Roseto Capo Spulico, Trebisacce, Fiumarella, Cariati, Torre Melissa, per dirne alcuni. Per chi invece è sostenitore dell’A1, la grande prova è rappresentata dalla Salerno-Reggio Calabria (ma non quella di ora, oh no! Quella degli anni ’80 e ’90).

Tutto questo avrebbe avuto un senso se ci fosse stato tra mio padre e la Calabria un legame di tipo affettivo: quanti figli di emigranti, trasferitisi nel gelico Nord, mantengono saldo il filo che li unisce alla terra d’origine? Moltissimi. Peccato che mio padre non sia uno di essi, non scorrendo nelle sue vene neppure una goccia di sangue calabrese.

Signori, è solo un colpo di testa quello che portò mio padre, nella primavera del 1982, a comprare (sulla carta, sottolineo) un appartamento di 30 metri quadrati con terrazzo e giardino. Per poi partire da Torino, nell’agosto del medesimo anno -a bordo di una Simca senza aria condizionata insieme a moglie allattante e figlia in fasce- e passarvi le prime vacanze.

Dal 1982 ho imparato a nuotare con e senza braccioli, ad andare in bicicletta senza rotelle e in motorino, a guidare in autostrada, a spennellare il pesce col rametto di rosmarino prima di fare la grigliata, ad allestire il falò, ad addentare il peperoncino, a capire i dialetti del sud. A scambiarmi gli indirizzi con gli altri bambini e scriverci durante l’inverno sulla carta da lettere di Lupo Alberto. Alcune delle storie più magiche o imbarazzanti della mia vita hanno avuto come teatro quel luogo. E ci sono sempre stata, ogni anno, con desiderio, portandoci amici e fidanzati. Ho smesso di riservare qualche giorno delle mie vacanze alla Calabria solo quando ho iniziato a fare viaggi troppo lunghi e complessi per poterci incastrare anche quello -complice una logistica, quella del Sud Italia, non esattamente friendly-.

Ma, anche quando ho snobbato la Calabria in nome di luoghi più esotici, ho sempre pensato che quel mio luogo del cuore potesse diventare importante anche per i miei figli, se un giorno ne avessi mai avuti. Tutto questo per dire che quest’anno ci torno, con Michele ed Elia. Non vi nascondo che in molti hanno sgranato gli occhi quando ho detto che ci saremmo messi in auto in pieno agosto per andare in Calabria con un neonato di 2 mesi, che nell’ovetto ci deve stare al massimo 1 ora, occhio all’aria condizionata e sappi che quando sul sedile posteriore hai messo la navicella non ti sta più niente.  Lo so che la Liguria o la Romagna sarebbero state più comode. Lo so che laggiù farà caldo e passerò il tempo a maledire il termometro. Lo so che il viaggio è lungo e arriveremo a destinazione con 10 anni di vita in meno.

Per farmi forza, sto ripetendo il loop i motivi per cui la Calabria è una buona idea. Gli oleandri, le bouganville, gli ulivi, i gechi e i ramarri. Il Caffè Guglielmo, la Brasilena gelata, il tonno Callipo, la soppressata, la ‘nduja, la sardella, le merendelle, le pesche bianche, il cirò. Guidare lungo la 106 ascoltando Rino Gaetano, il paesaggio lunare della Sila, l’odore di pineta, il rumore delle infradito sui vialetti insabbiati, la sabbia fine, il mare, correre al tramonto, la colazione sul terrazzo, la doccia in giardino tornata dal mare, i dossi, le biciclette legate ai pini, le tende a righe bianche e blu, le cicale, i ventilatori a soffitto, gli irrigatori giganti, la cisterna dell’acqua, le consonanti pesanthi, le telline, la barchetta a remi del bagnino dove c’è scritto salvamento.

Che è giusto, ma secondo me salvataggio suona meglio.

calabria

E se non sapete cosa sono le merendelle, ma che infanzia avete avuto?

svgFear of: essere madre significa cagarsi sotto
svg
svgDiscovery channel luglio 2016

14 Comments

  • Francesca

    Luglio 18, 2016 at 9:31 am

    L’importante è ammortizzare lo stress del viaggio con una vacanza infinita. Per la mia, con un neonato nell’ovetto sono andata l’anno scorso in Croazia: isola di Vis. 4 ore di autostrada in Italia, 14 ore di traghetto, 6 ore a 40 gradi al porto di Spalato e altre 2 ore e mezza di traghetto. Morti ma vivi al tempo stesso! In bocca al lupo e buon viaggio!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Luglio 21, 2016 at 6:09 pm

      Crepi! Mi sto ripetendo in loop “sii una mamma crucca, sii una mamma crucca, sii una mamma crucca”

      svgRispondi
  • paola

    Luglio 18, 2016 at 9:57 am

    Valeria aiuto, sai che colpo al cuore per me crotonese leggere queste cose di prima mattina! sono già singhiozzante in una valle di lacrime anche perché vivo al nord e il richiamo in questo periodo è fortissimo. Conosco un sacco di persone forestiere che ad intermittenza di anni continuano a tornare in questo posto sgangherato anche quando potrebbero scegliere altre mete, e sarà per l’elenco di cui sopra o altro ma qualcosa di magico lo trasmette, speriamo ora di incantare tutta la family. Buone vacanze!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Luglio 21, 2016 at 6:10 pm

      Grazie mille (anche se a Elia, per quest’anno, ancora le merendelle non le posso dare)

      svgRispondi
  • Patalice

    Luglio 21, 2016 at 9:52 am

    non la conosco minimamente, ma ne leggo solo che bene…

    svgRispondi
    • gynepraio

      Luglio 21, 2016 at 5:58 pm

      Io riconosco di essere di parte. Penso però sia una delle regioni più belle, disgraziate e incomprese d’Italia. Il che riflette, per certi versi, l’indole contemporaneamente ombrosa e calorosa delle sue genti.

      svgRispondi
  • Annalisa

    Luglio 23, 2016 at 9:44 am

    grazie per averla descritta così bene, la mia Calabria che amo e odio alla folllia.
    Poi al tonno Callipo mi sono commossa.
    Buone vacanze!
    Annalisa (studentessa terrona a Milano)

    svgRispondi
    • gynepraio

      Luglio 24, 2016 at 3:41 pm

      La gioia di quando ho cominciato a trovare il tonno Callipo in vetro, in alcuni selezionati supermercati? Indescrivibile.

      svgRispondi
  • Axela

    Luglio 24, 2016 at 11:02 am

    Anche io fedele da 22 anni alla Calabria, alla Salerno-Reggio Calabria anche negli anni ’90 senza aria condizionata (ma partendo da Napoli), al sapore delle merendelle, all’odore delle pinete, e a quell’impareggiabile tramonto sul mare, che tra 6 giorni finalmente rivedrò.
    Buone vacanze Valeria!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Luglio 24, 2016 at 3:41 pm

      Grazie, anche a te! (Ovviamente non vedo l’ora di esserci)

      svgRispondi
  • Antonia Zeta

    Luglio 28, 2016 at 7:30 pm

    Che bel racconto. Fai benissimo a fare questo viaggio. Io faccio il tifo per voi! ❤️

    svgRispondi
    • gynepraio

      Agosto 1, 2016 at 7:27 am

      Speriamo che anche Autostrade per l’Italia sia dalla nostra parte! Buone vacanze anche a te!

      svgRispondi
  • Gio

    Novembre 30, 2016 at 12:26 pm

    Hai ragione, anche io se mai ne avrò, dovrò-vorrò fare sbrodolare mio figlio mangiando una bella succosa merendella!!
    e lo dico da figlia e nipote di catanzaresi che in 34 anni non ha mai saltato un (o sarebbe meglio dire “il”) bagno nello Jonio 🙂

    svgRispondi
    • gynepraio

      Novembre 30, 2016 at 12:34 pm

      Pensa che quest’anno non sono nemmeno riuscita a mangiarne una, perché sono arrivata troppo tardi rispetto al periodo di miglior maturazione. Sob.

      svgRispondi

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.