Post Image
By gynepraio29 Novembre 2017In Shopping

Discovery Channel Novembre 2017

Discovery Channel Novembre 2017: servizio Cortilia

Qualche anno fa avevo già usufruito di un servizio di consegna ortofrutta a domicilio che si chiamava l’Ortovolante, che consegnava la spesa a me e ad altre colleghe; ma non lavorando più in zona non aveva senso chiedergli di portare la cassetta di frutta solo a me e dall’altra parte della città. Da un mese, su suggerimento di Susanna, sto usando Cortilia. Ho accettato di buon grado l’idea dell’abbonamento tanto di ortofrutta ne mangio e ne mangerò sempre un sacco, soprattutto da quando ho deciso di ridurre drasticamente il consumo della carne; sto usufruendo della consegna gratuita e ricevo tutto in ufficio senza richiedere nessun orario particolare. Per ora sono soddisfattissima: i prodotti sono tutti buoni, vari, confezionati accuratamente e ben selezionati. No ho mai trovato niente di vagamente guasto o eccessivamente maturo. Inoltre, i prodotti non sono mai terrosi o sporchi come quelli che compravo al mercato: il che è un risparmio economico (pago parte edibile e non terriccio) e di tempo (si lavano più velocemente). Il costo per una cassetta per 2 persone è di 24,90 euro contro i 20/22 euro che spendevo settimanalmente al mercato di Vanchiglia, che non è sicuramente il più economico ma neppure il più caro di Torino: vi assicuro che il suo contenuto è ampiamente sufficiente, considerato che io mangio quasi sempre a casa, che in ufficio porto cibo preparato a casa e che consumiamo tutti frutta e verdura in abbondanza. Nel caso in cui la quantità vi paresse troppa, fino a 4 articoli della cassetta “standard” possono essere sostituiti con 4 altri prodotti, non necessariamente ortofrutticoli: formaggi, carne, conserve, alimenti a lunga conservazione. In questo modo sono riuscita a tagliare la visita settimanale al mercato che facevo il sabato mattina e che, lo confesso, con Elia sulle spalle e 5 kg di ortrofutta per braccio stava diventando un appuntamento sgradevole. Se volete testare il servizio, con il codice sconto AMICO-7YNG4 otterrete uno sconto di 10 euro. Io ci guadagno 10 euro di sconto sulle mie prossime forniture, ma come immaginerete fruirò del servizio in ogni caso.

discovery channel novembre 2017

Costo: 24,90 euro la cassetta per 2. La cassetta è in cartone riciclabile e può indifferentemente essere resa o meno

Discovery Channel Novembre 2017: Coppetta mestruale

Per anni sono stata molto perplessa dinanzi a questo oggetto: all’azienda per cui lavoravo fu proposta in distribuzione nel 2009 per la prima volta (quindi significa che sono perplessa da 8 anni). Inizialmente mi sembrava una scelta da ecologista fricchettona che dialoga con la sua vagina chiamandola Gina: io non sono una dama vittoriana ma non sono neanche una di quelle che se la controllano nell’apposito specchio da bidet. Mi sono convinta quando me l’hanno magnificata due amiche, che per me rappresentano un benchmark molto credibile. Una mattina, senza preavviso, ne ho comprata una a caso e in promozione su Amazon dal confortante brand Gina (solo un caso? noi non lo crediamo affatto): provata e approvata alla prima occasione utile. Confermo che non c’è nessun motivo sulla faccia della terra per spendere in assorbenti interni o esterni quando con un acquisto del genere sei a posto per anni.

Temevo per le operazioni di inserimento ed estrazione ma seguendo le chiarissime istruzioni allegate non ho avuto nessun problema né perdita. Le uniche obiezioni che mi sento di avanzare sono le stesse che probabilmente sollevano tutte: non è semplice, igienico né particolarmente rispettoso del prossimo svuotare, lavare e reinserire la coppetta in un luogo pubblico. Infatti queste operazioni si svolgono a casa: la coppetta può stare al suo posto per un massimo di 12 ore e per me questo intervallo di tempo è ampiamente sufficiente, vista l’ora cui esco e quella in cui torno. Penso che per le professioniste che lavorano da casa, o per chi fa il part-time la coppetta sia ancora più comoda. Fuori casa non lo farei né sinceramente vorrei che lo facesse qualcun altro nei bagni che utilizzo io.

Un altro merito della coppetta è l’aver ridimensionato il concetto di ciclo mestruale: tutte lo immaginiamo come un Vajont ematico ma la verità è che perdiamo veramente poco sangue. Ciò che ci trae in inganno sono le macchie: un po’ come dire che non ci spaventano tanto gli eventi, quando le tracce che essi lasciano su di noi.

discovery channel novembre 2017

Costo: 10 euro con Amazon Prime. Ne esistono altre marche, al momento non sono in grado di fare comparazioni.

Discovery Channel Novembre 2017: e-book raccontarla giusta

Seguire un corso di scrittura è uno dei miei sogni proibiti. Proibito in questo momento, chiaramente, perché si svolgono solitamente di sera e non so se riuscirei a stare sveglia fino al termine della lezione. Ma anche perché credo che a quel punto sarei moralmente ed economicamente obbligata a scrivere, e no, non mi riferisco a un blogpost. Mi riferisco a racconti, storie, romanzi, files word salvati sul desktop che stanno lì per mesi e diventano sempre più corposi.

Sono pronta per questo? Non lo so. C’è spazio nella mia vita per un altro progetto a lungo termine? Forse sì. Per intanto ho letto Raccontarla Giusta, un e-book strutturato in forma di intervista da parte di un’allieva al suo maestro di scrittura. Ma non si tratta di un escamotage narrativo: Marco Lazzarotto è davvero uno scrittore ed è un insegnante (ma va’?) di scrittura presso Zandegù, mentre Beatrice Dorigo è stata plurime volte una sua allieva. Poi è anche una blogger, una libraia e una scrittrice a sua volta. Una scrittrice vera, di quelle che, pur avendo già pubblicato, continua comunque a seguire corsi per affinare la penna. Che è un po’ spada laser e un po’ spada di Damocle, che po esse fero o po esse piuma. 

Marco Lazzarotto -senza un’ombra di mansplaining, parola mia- guida Beatrice nella costruzione del suo next big book, affrontando elementi quali plot, dialoghi, personaggi e l’arcana arte dello show don’t tell. Dalla lettura di questo e-book, che vi consiglio vivamente qualora a) non vogliate/possiate seguire un corso di scrittura e b) vogliate rendervi conto del tipo di lavoro che sottende la stesura di un romanzo, mi porto a casa un concetto molto importante: la scrittura è come il maiale e non si butta mai via niente. Accade che un dettaglio, un volto, una persona, una frase in cui ci siamo imbattuti e che ci hanno impressionato possano inserirsi perfettamente all’interno del nostro prossimo romanzo o in bocca a un personaggio. Se non avete una memoria di ferro, occorre appuntarselo su un taccuino o sul blocco note del telefono.

discovery channel novembre 2017

Costo: 9,99 su Zandegù

svgGitarella a Govone, AKA il magico paese di Natale
svg
svgInstamonth Novembre 2017

12 Comments

  • Occhineri

    Novembre 29, 2017 at 3:16 pm

    la coppetta è comodissima!! in pratica è come non avere il ciclo se non ci fossero i mal di pancia e i mal di testa! 😉

    svgRispondi
    • gynepraio

      Dicembre 18, 2017 at 6:57 pm

      Almeno su quello sono fortunata, i miei sintomi fisici sono limitati. Sull’umore invece no, grande e negativissimo impatto

      svgRispondi
  • Angela

    Novembre 29, 2017 at 3:36 pm

    Le tue riserve igieniche sull’inopportunità dello svuotamento della coppetta nei bagni pubblici ti fanno onore… Io in 5 anni di utilizzo non ci avevo mai pensato, e sì, ho svuotato la coppetta in luoghi che voi umani non potreste mai eccetera (il top: cessi chimici dei concerti). D’ora in poi ci penserò, giuro!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Dicembre 18, 2017 at 6:56 pm

      Più che altro conosco l’entourage in cui lavoro e so che si risentirebbero!

      svgRispondi
  • incorporella

    Novembre 30, 2017 at 10:38 am

    Grazie Vale <3
    E comunque sì, il mansplaining poteva essere un rischio, anche se, visti i caratteri, il rischio grosso era anche un certo Beasplaining nei confronti del povero Lazzy…

    [Comunque la coppetta a me l'hanno regalata e ce l'ho lì. Ogni tanto mi guarda, ma ancora non me la sento].

    svgRispondi
    • gynepraio

      Dicembre 18, 2017 at 6:55 pm

      Bea, allarga ‘ste gambe. Come disse mia madre davanti a un mio ex fidanzato imbarazzandomi a morte, “da lì ci è passato ben altro”.

      svgRispondi
  • Francesca

    Dicembre 1, 2017 at 4:29 pm

    Dopo il parto disastroso non sono piú riuscita a mettere la coppetta, ne ho provate tre diverse ma nulla. Mi manca molto. Era una soluzione comoda, economica e igienica. Anche io ho convertito diverse amiche negli anni!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Dicembre 18, 2017 at 6:54 pm

      Per me è stata invece la soluzione di ripiego perché non reggevo più gli assorbenti interni…Speriamo che la coppetta tenga!

      svgRispondi
  • Alessandra

    Dicembre 3, 2017 at 5:35 pm

    Ciao! Ti ringrazio perché mi hai dato la spinta a dare una possibilità a Cortilia, che sono anni che mi stuzzica trovando chissà perché un sacco di resistenza. Ho fatto il mio primo ordine e ho anche utilizzato il tuo buono =) Vivo da sola e ho optato per la consegna della cassetta frutta/verdura ogni 15 giorni, mi sembra ragionevole per evitare di ritrovarmi sommersa di cibo che non riesco a consumare. Tra l’altro sempre a causa tua ho comprato una vaporiera, sei praticamente l’unica blogger che mi influenza veramente su cosa comprare!
    La coppetta la uso da credo dieci anni con estrema soddisfazione, hai fatto un ottimo acquisto ^_^

    svgRispondi
    • gynepraio

      Dicembre 18, 2017 at 6:52 pm

      Sono contenta di aver contribuito alla causa dei mangiaverdura! A presto

      svgRispondi
  • Lisa

    Dicembre 20, 2017 at 1:02 pm

    A me la coppetta ha cambiato proprio la vita, da quasi 6 anni! La uso per fare sport (testata per acquagym, spinning, bici, crossfit, yoga, …) ed è comodissima, in più mi ha liberato da irritazioni ed altri fastidi noti di cui soffrivo ciclicamente. Se sto fuori casa per un giorno intero, mi armo di gel disinfettante per le mani e salviette intime e bottiglietta di acqua con il rubinettino (https://www.amazon.it/s/?ie=UTF8&keywords=hygienna+solo&tag=slhyin-21&index=aps&hvadid=190499633654&hvpos=1t1&hvnetw=g&hvrand=15538222656047129531&hvpone=&hvptwo=&hvqmt=e&hvdev=c&hvdvcmdl=&hvlocint=&hvlocphy=20591&hvtargid=kwd-300613960546&ref=pd_sl_9fvo8lcdo5_e), in modo da poter eseguire le operazioni di cambio quasi ovunque!

    svgRispondi
    • gynepraio

      Gennaio 3, 2018 at 5:10 pm

      vedi che su Amazon c’è la risposta a tutti i problemi.

      svgRispondi

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

archivio