Post Image
By gynepraio28 Giugno 2018In Shopping

Discovery Channel Giugno 2018

Discovery Channel Giugno 2018: canotte in seta

Devo ammettere che spendo molto di più per la moda invernale che per quella primaverile-estiva. Non solo perché i vestiti invernali costano di più (c’è più materiale, i filati sono più costosi, le scarpe sono più care) ma anche perché nella mia città la stagione fredda dura di più. E poi anche perché sono naturalmente restia a scoprirmi, al mare ci vado poco e non necessariamente tutti gli anni. Insomma, non mi compro molte cose d’estate. Conosco persone del team #lovesummerhateeverythingelse cui l’estate scatena la pazza voglia di canottierine e mutandine e costumini e sandalini e ciabattine etc. Io utilizzo ancora degli shorts di jeans comprati nel 2003, dei costumi del 2005, delle Hawaianas del 2004. Alcuni dei miei vestiti estivi hanno 5 o 6 anni, ne compro pochissimi: spesso acquisto con i saldi degli abiti più durevoli e me li faccio andare bene per anni. Badate, non perché sono brava ma perché d’estate non mi vesto volentieri. Non sono una summer person, accettiamo la realtà.

Quest’anno però ho rimpolpato il mio guardaroba con delle canotte in seta che ho trovato da Humana Vintage, nel punto vendita di via Pietro Micca 14. Sono vintage, come dice l’insegna, e sono esattamente come piacciono a me: 100% seta, in tinta unita, a forma di semplice tubo con buchi per le braccia e per il collo, scollo tondo e liscio, al massimo due o tre bottoncini decorativi sul davanti, spallina larga, assolutamente prive di fronzoli. Le aperture per le braccia e il collo hanno il corretto diametro: cioè non basta il benché minimo movimento per mostrare il reggiseno o scoperchiare l’ombelico.

Sono i capi più flessibili del mondo: io le metto con una gonna lunga, le stringo in vita con una cintura, aggiungo una borsa e ho finalmente tempo per dedicarmi al vero problema dell’estate 2018, cioè i miei capelli, la loro ingestibilità e il loro orrido colore giallo uovo prodotto da un parrucchiere al quale, chiaramente, non dedicherò nemmeno una riga.

discovery channel giugno 2018

Prezzo: 47,60 per 4 canotte in 100% seta, scontate del 30%. In questo momento è tutto al 50%, io ve l’ho detto: questo è il loro IG account, se siete alla ricerca di ispirazione!

Discovery Channel Giugno 2018: scarpine pisamonas

A me molti dei sandali per bambini che vedo in giro non fanno sognare. L’ho detto e non me ne vergogno: Naturino, Primigi, Falcotto e via dicendo, a parte rarissime eccezioni non mi piacciono. Mi piacciono le Birkenstock per bambini, ma sono disponibili dal 24 in poi quindi mi sono guardata attorno e mi sono ricordata di un vecchio post di Valentina Grispo in cui si parlava del brand spagnolo Pisamonas. È una industria di Madrid che produce o fa produrre -sempre in Spagna- scarpe per bambini di ottima qualità, sia in tessuto sia in pelle: i modelli sono bellissimi e riprendono, ad esempio, quelli di Bensimon (che però sono disponibili dal 24 in su!) e quelli di Natural World con la suola profumata, oppure le Minorquinas in pelle ma con una riduzione prezzo dal 20% al 30%. Ci sono anche sandaletti di ogni tipo, ragnetti da spiaggia, le pantofoline da casa in feltro, le clarks e gli stivali in gomma tipo Hunters. Lo so che non sono marchiati, ma sono di ottima fattura e, se avete un figlio, sapete a quale velocità cambiano numero di scarpe. Udite udite: alcuni modelli includono i numeri per adulti.

Quanto al servizio clienti: sito semplice e navigabile, colori realistici, invio rapido e puntuale. Il servizio sostituzioni e resi è gratuito, ma non particolarmente efficiente: la sostituzione lo è, mentre il recupero del reso è lento e diciamo misterioso. Io ho chiamato 3 volte il servizio clienti per chiedere quando pensavano di passare visto che era un mese che avevo la scatola di scarpe sulla scrivania dell’ufficio, ma non sono stati in grado di dirmi niente se non “presto, molto presto”. A un certo punto -ovviamente mentre ero in riunione- è giunto un incaricato GLS, ha acchiappato tutto ed è sparito silenziosamente com’è arrivato. Pisamonas non è Amazon, mi pare chiaro, ma è tutto gratuito e, poiché io ricevo i miei acquisti in ufficio, non si è trattato di un grave disagio.

discovery channel giugno 2018

Prezzo: quelle verdi 24,95 € e quelle rosse 22,95 € su www.pisamonas.it

Discovery Channel Giugno 2018: parlare e improvvisare

Come molti sapranno, il 3 luglio sarà in libreria il mio romanzo d’esordio edito da Piemme che si intitola “Se tu lo vuoi“. In occasione di questa uscita sto facendo cose che non avevo mai provato, tipo chiedere favori a un sacco di persone: di questo parlerò di più quando avrò analizzato meglio come mi sento in merito a questa faccenda. Ma l’altra grande novità è parlare in pubblico.

In tempo reale, non davanti a una platea di agenti di commercio -cosa già fatta per molti anni- ma su mezzi di comunicazione veri: la TV, la radio. In pochissimi giorni sono stata negli studi RAI a blaterare 2 minuti sul romanzo (è un intervento registrato, eh, andrà in onda forse a settembre) e ho parlato con un sacco di  speaker radiofonici. Mi sono mangiata le unghie, mi sono arrotolata i capelli attorno al dito, mi sono anche un po’ cagata sotto. Tra l’altro in RAI mi sono improvvisamente ricordata che la TV aggiunge 2-3 kg (lo dice Focus, ragazzi, eh) e mi è venuta una paranoia assurda, sommata al fatto che non mi ero preparata abbastanza bene perché ero incazzata e incasinata, e mi è salita una voglia pazza di simulare un malore e andarmene. Poi, mentre gli operatori di camera erano girati, mi sono data un paio di schiaffi e mi sono fatta un discorso autopersuasivo che per fortuna ha funzionato. Alla fine sono molto grata per queste esperienze, perché mi sono anche divertita un sacco, soprattutto quando ho parlato alla radio con Elena e Florencia. Dal momento che sono praticamente certa di fare da qui a breve qualche clamorosa figura di merda, ho deciso che non ho paura di sbagliare. Il mio unico e reale timore è quello di esagerare con l’autopromozione, di diventare ancora più autoreferenziale di quanto già non sia, in poche parole di scassare il cazzo a chi mi segue. Quindi: tutti autorizzati a dirmi basta quando sto oltrepassando il segno.

Pur essendo vecchia come Matusalemme, sono cresciuta in epoca berlusconiana e considero normale che un autore si occupi di una quota importante della promozione delle sue opere: negli anni ’90, per dire, Baricco era in TV una sera sì e l’altra pure. Ma la mia domanda è: non è ingiusto che una persona -esordiente o meno- non avvezza a parlare davanti agli agenti di commercio, o banalmente timida o ritrosa, debba farsi violenza e imporsi di autopromuoversi ugualmente, pena condannare la sua opera all’anonimato? Ho trovato in merito una riflessione molto interessante (ancorché atrocemente presuntuosa come tutto ciò che scrive questa autrice) sul bellissimo progetto “I libri degli altri”: si tratta di questa intervista a Marta Zura Puntaroni, in cui chiarisce qual è secondo lei il ruolo dell’autore e quali sono i suoi confini.

discovery channel giugno 2018

Prezzo: nessuno, solo un po’ di paura

svgPosta del Cuore Giugno 2018
svg
svgBaby party di compleanno a basso tasso di fatica

9 Comments

  • Valentina Elmetti

    Giugno 28, 2018 at 11:49 am

    Cara Valeria comprerò sicuramente il tuo romanzo, in bocca al lupo ! È già che ti fai queste domande sull’ autoreferenzialismo sei un passo avanti !!! Un abbraccio Valentina

    svgRispondi
    • gynepraio

      Giugno 28, 2018 at 2:22 pm

      Ciao Valentina, grazie mille e buona lettura!

      svgRispondi
  • Silvana Flora

    Giugno 28, 2018 at 12:12 pm

    Cortesemente Valeria mi potrebbe dire se la scarpa calza normalmente per il proprio numero? Cioè ho il 36 devo prendere il 36 o è meglio magari il 37. Parlo dello stesso modello che vedo in foto. Grazie

    svgRispondi
    • gynepraio

      Giugno 28, 2018 at 2:22 pm

      Quale modello?Quelle verdi da bimbo o quelle rosse da bimbo? (i sandali rossi con la zeppa non sono di Pisamonas)

      svgRispondi
  • Federica Gumina

    Giugno 28, 2018 at 2:25 pm

    Per Elia si trovano valide alternative alle Birkenstock di marca Grunland, sin dal 18 mi sembra.. A mio figlio di due anni è mezzo è la seconda estate di fila che le compro! Le trovi in vari negozi, catene come ritmo shoes, su Amazon, YOOX e zalando.

    svgRispondi
  • Silvana Flora

    Giugno 30, 2018 at 11:21 am

    Le verdi da bimbo

    svgRispondi
    • gynepraio

      Luglio 5, 2018 at 12:19 pm

      Io quelle per Elia le ho prese un numero più grande!

      svgRispondi
  • Giulia

    Agosto 14, 2018 at 2:03 am

    Ma davvero ti ha imbarazzato parlare del tuo libro in pubblico? Non so perché ma non me lo aspetto proprio da te! Nel senso che penso sempre che chi ha una tale confidenza con la scrittura, come l’hai tu, sia altrettanto abile con il parlare in pubblico.
    Baci,
    Giulia
    http://www.diariodiunexstacanovista.com

    svgRispondi
    • gynepraio

      Agosto 20, 2018 at 10:17 am

      In realtà un po’ sì, ho una folle paura dell’effetto show off.

      svgRispondi

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.