Post Image
By gynepraio24 Gennaio 2014In Personale

il dilemma del porcospino

Alcuni porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali, finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione. (Schopenhauer, Parerga e Paralipomena, II, 2, cap. 30, 396)

Non ci credo tanto alla storiella che gli eventi accadono quando smetti di volerli e ti metti in una condizione di indifferenza. Se non vuoi niente, quando accade qualcosa subisci sconvolgimenti, rischi di respingere la novità, stai male. Oppure stai benissimo, ma sostanzialmente perché sei ottenebrata e non ti rendi conto di quello che ti capita o delle conseguenze.

Io preferisco la serendipity all’imprevisto. La serendipity presuppone un’attitudine vigile, una tensione o una ricerca di qualche tipo; ma poi non ottieni quello che cercavi e ottieni altro. Quindi ti devi adattare, ma solo un po’ perché, con quello stato di vigilanza che avevi già attivato, mezzo lavoro è fatto. La serendipity più bella si ha quando parli con una persona pensando di ricevere qualcosa e invece, insospettabilmente, ottieni ben altro.

Sarà capitato anche a voi di avere un’amica tamarra (immaginatemi che canto questa canzone come Mina che canta ZumZumZum) e di pensare che, siccome non ha studiato né viaggiato, non abbia nulla da insegnarvi. Oppure che, in conseguenza di una vita semplice, di un marito piacevole come il nano di Twin Peaks (giustamente lasciato), di un lavoro manuale, non abbia una visione della vita matura e originale.

Vi sarà capitato di anche di arrivare a casa sua, sentirla raccontare del freddo che patisce facendo la magazziniera al servizio di una famiglia di cinesi negrieri (questo pare un doppio luogo comune con avvitamento razzista ma in realtà lo uso perché sono le top-keyords ricercate dai maniaci sessuali su Google) ma della soddisfazione che prova nonostante tutto, mentre voi belate ogni giorno le vostre disgrazie professionali in un ufficio angolare con 25°C costanti e il culo su una poltrona di pelle umana. Forse, però, non vi è mai capitato di sentirla argomentare il dilemma del porcospino di Schopenhauer meglio di Vattimo. Il tutto senza averlo mai neppure sentito nominare.

Mi piacerebbe trovare un nuovo ragazzo, qualcuno con cui passare il tempo, sai, stare vicini sul divano a guardare Amici il sabato pomeriggio. Ma anche per fare cose più attive, tipo andare a passeggiare la domenica in via Garibaldi (ndr: via pedonale torinese ricca di negozi pieni di poliestere, le cui insegne sono a loro volta ricche di Y e K -notoriamente le lettere più amate dai tamarri-), oppure fare la conserva di pomodoro quando torni dalle vacanze. Alla fine la cosa bella del matrimonio con (nome ex marito) era quella, condividere le cose. Era il mio sogno, quando stavo per sposarmi. Ti dirò che però, quando stavo con (nome amante venuto dopo il marito) un po’ m’è passata la fantasia (ndr: espressione riconducibile a “mi sono disillusa” o, in casi più gravi, a “mi sono caduti i coglioni”). Ci vedevamo pure poco, ma quando ce l’avevo tra i piedi per 2 giorni di seguito mi veniva da mandarlo a comprare CronacaQui (ndr pseudoquotidiano specializzato nel racconto romanzato di fattarelli di cronaca che coinvolgono solo immigrati) per stare un po’ da sola. Quasi quasi, quando se ne andava per tornare dalla moglie (ndr dettaglio omesso: era ed è ancora sposato) un po’ ero contenta. Ma sai cosa mi faceva scendere il velo nero? (ndr espressione traducibile come “mi faceva perdere il lume della ragione”). Che di notte andava a pisciare, e fin qui tutto bene, c’aveva 45 anni e si sa che gli uomini dopo un po’ non tengono 8 ore. Ma, per non svegliarmi, NON ACCENDEVA LA LUCE. Ma io, nel letto, me lo immaginavo che schizzava sul pavimento, che si grattava e spargeva peli in giro (ndr alla parola “peli”, fioriscono sguardi empatici da parte delle convitate), non riuscivo a riaddormentarmi e volevo ucciderlo. Ma poi, al mattino, due baci e passava tutto.

La morale di questa storia è che, non importa se son peli o aculei, se ami uno devi imparare a conviverci. Per chi se lo chiedesse, non ero andata a casa della mia amica tamarra per fare un simposio sul Pensiero Debole. Io ci ero andata sostanzialmente per questa.

porcospino

Autentica parmigiana bisunta con aggiunta di polpettine. Fonte: www.dissapore.com

11 Comments

  • 21

    Gennaio 24, 2014 at 11:54 am

    La parmigiana è il motore immobile di qualsiasi discussione. Purché sia con le melanzane fritte. Certe robacce light sono per menti semplici.

    svgRispondi
    • gynepraio

      Gennaio 24, 2014 at 11:57 am

      giuro davanti a dio che grondava olio

      svgRispondi
      • 21

        Gennaio 24, 2014 at 11:57 am

        E non dici grazie? 😀

        svgRispondi
  • Pinocchio non c'è più

    Gennaio 24, 2014 at 3:44 pm

    Eh si, si fa presto a dire “volevo ucciderlo”…provate voi a centrare il bersaglio al buio, con l’arco che si piega su se stesso, per giunta.

    svgRispondi
  • PuroNanoVergine

    Gennaio 26, 2014 at 8:23 am

    La storia del 45enne che non regge le 8 ore mi tranquillizza.
    Pensavo di essere l’unico 🙂

    p.s. accendo la luce

    svgRispondi
  • dellemiebrame

    Gennaio 26, 2014 at 6:50 pm

    Ho scoperto in questo istante di amare i Simposi sul Pensiero Debole, grazie. E comunque, a meno che si abiti in un monolocale privo di bagno a sopperimento del quale la tazza è stata installata direttamente nella camera da letto, mi permetto di ricordare che esistono le porte, che rappresentano la virtù che sta nel mezzo. Uno si alza al buio, si tira dietro la porta accostandola senza farla scattare, apre similmente quella del bagno e se la tira dietro, accende la luce sullo specchio oppure da fuori facendo uscire solo il braccio, si prodiga nella pisciata notturna e poi ripete il tutto all’incontrario.

    svgRispondi
    • gynepraio

      Gennaio 26, 2014 at 6:56 pm

      Hai ragione, mi farò portavoce di questa corrente. Rappresenti un po’ la frangia esistenzialista della vicenda, grazie.

      svgRispondi
  • siboney2046

    Novembre 29, 2014 at 1:27 pm

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

archivio