Post Image
By gynepraio14 Settembre 2022In Personale

“La gazza” di Elizabeth Day

“La gazza”, il nuovo romanzo di Elizabeth Day uscito a giugno 2022 da Neri Pozza, prende il titolo dall’uccello avvistato in una delle prime scene dell’opera, e che in inglese è protagonista di una filastrocca che attribuisce a questo animale la capacità di predire il futuro.

One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret,
Never to be told.

È difficile parlare de “La gazza” di Elizabeth Day e introdurne la trama senza incorre nel peccato mortale di spoiler. In questo risulta molto utile la lunghissima introduzione che trovate su Amazon, su IBS, sulla cover, insomma, ovunque: leggete quella e siete a posto.

Si evince dunque che tutte le vicende ruotano attorno a un triangolo -più affettivo che amoroso- composto da una coppia etero e da una terzo elemento femminile. Tuttavia “La gazza” non parla di intrighi amorosi ma, più che altro, familiari. Seppur con un linguaggio più teatrale e da feuilleton rispetto a quello che mi aspettavo, Elizabeth Day analizza due tra i rapporti meno “indagati” della letteratura.

Uno di essi è vecchio quanto il mondo e riguarda la diade suocera-nuora; l’altro, invece, è nuovo di pacca, in quanto figlio dei progressi della ricerca scientifica e dei diritti civili (e non ve lo dico altrimenti è immediatamente spoiler).

Visto che negli ultimissimi giorni si è fatto un gran parlare di sirenette afrodiscendenti e degli effetti benefici che una efficace rappresentazione delle minoranze possa avere sulle giovani generazioni, mi piace ricordare che: questo vale anche e soprattutto per noi persone adulte.

“La Gazza” di Elizabeth Day è un romanzo che guarda al futuro, che pone al centro i rapporti sempre più complessi e non-stereotipati che la modernità ci chiama a intessere. È un’opera letteraria che mette in discussione  le antiche leggi (onora il padre e la madre) e normalizza temi un tempo fuori discussione, perché legati una minoranza (la maternità surrogata) o a uno stigma culturale (la malattia mentale).

Per acquistare “La gazza” di Elizabeth Day (tra l’altro: che donna affascinante!) , questo  è il mio link affiliato

Acquista “La gazza”

svgDiscovery Channel Agosto 2022
svg
svgCasa in montagna, il gusto ci guadagna

2 Comments

  • Oui

    Settembre 17, 2022 at 6:39 pm

    Messo in lista, grazie!

    svgRispondi
  • Giulia

    Settembre 23, 2022 at 12:27 pm

    Io l’ho letto in lingua originale e mi è piaciuto molto! E si, sono una sua fan da anni, il suo podcast “how to fail” lo trovo super interessante

    svgRispondi

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.